Per offrirti il miglior servizio possibile Yesovens srl utilizza i cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.       INFO   |   ACCETTO

Contemporary Space

Intervista all’artista Saul Costa

Ciborituale
Ciotola in terracotta,
forma essenziale che racchiude
nutrimento,
rappresenta il ritorno alla
terra,
come fonte primordiale di
vita.


Intervista a cura di Federico Frasson


Nota biografica.

Saul Costa nasce a Vicenza nel 1974, si diploma in Grafica pubblicitaria e Fotografia. Amplia e completa la sua formazione presso la sezione di Pittura dell’Accademia di Belle Arti di Venezia. Congiuntamente all’esperienza artistica, da tredici anni si dedica all’insegnamento del disegno e della storia dell’arte. Dal 1997 ha partecipato a trenta esposizioni, di cui ventidue collettive e otto personali, oltre a vari concorsi a livello nazionale.


F.F. Come nasce l’idea dell’era cibo rituale?

S.C. Il cibo è da sempre condivisione ed è elemento essenziale che nutre e che deriva dalla terra, così come la ciotola di terracotta. Il rituale di consumo comune segna l’ingresso in una rete di relazioni comunitarie. Cibo, strumenti di cottura come i forni, ciotole, non sono altro che oggetti che mediano simbolicamente il valore dei legami, l’espressione delle relazioni delle persone coinvolte e questa funzione è così forte da caratterizzare il tipo di rete sociale all’interno delle quali vengono posti in atto.


F.F. Quanto è importante capire il significato dell’opera e non solo farcela piacere per l’estetica?

S.C. L’impatto emotivo che un’opera suscita è indubbiamente importante. L’estetica, il piacere che ne si può trarre, ci appaga. Fermarsi all’apparenza però non basta; avendo la curiosit di approfondire e capire l’opera, si può trarre dalla stessa un arricchimento culturale. Parto dal principio che l’artista è come un veggente, va al di l delle sensazioni e delle apparenze che normalmente la societ può percepire e le esprime attraverso la propria opera, ha una sorta di responsabilit verso la societ a cui destina il proprio lavoro e spesso accade che esso venga rivalutato a distanza di tempo.


F.F. Da dove nasce la tua arte e a cosa ti ispiri?

S.C. Il mio rapporto con l’arte nasce da sempre e cioè sono sempre vissuto all’interno di uno spazio, di un luogo intriso d’arte. La bottega artigianale di mio padre ha avuto molteplici rapporti con artisti più o meno importanti e per questo era diventata un luogo di scambio di idee e di frequentazioni attivo e coeso. Inoltre sono stato educato all’arte attraverso il contatto continuo e costante con artisti, mostre, laboratori, spazi espositivi. Il filo conduttore della mia ricerca è la spiritualit e la sacralit nel legame che unisce l’uomo a Dio. Non è un tema nuovo, esiste sin da quando l’essere umano si è posto il problema di capire il significato della propria esistenza. Il modo in cui indago questa tematica si compone di diverse sfaccettature, inclusa quella che riguarda il rapporto con il cibo in un rituale di consumo comune.


F.F. Qual è stata la tua formazione?

S.C. Come gi accennato, nasco in un contesto naturalmente favorevole all’approfondimento dell’arte, per cui, raggiunta l’et della ragione, è stato ovvio fare scelte per intraprendere percorsi relativi allo studio dell’arte. E’ così che ho conseguito dapprima il diploma di Grafica pubblicitaria e Fotografia e successivamente mi sono formato all’Accademia delle Belle Arti di Venezia nella sezione Pittura, dove ho potuto confrontarmi con maestri quali Luigi Viola, Giovanni Quaresimin, Marco Nereo Rotelli. Lo studio però non si esaurisce con il percorso scolastico. E’ la passione che muove gran parte degli approfondimenti alle tematiche affrontate. Ecco allora che tutti i viaggi intrapresi, in particolar modo nel Mediterraneo, costituiscono dei veri e propri "appunti" paragonabili a un "moleskine", i leggendari taccuini in cui "cultura, immaginazione, memoria, viaggio e identit personale" si concretizzano e ai quali affido i pensieri più istintivi e privati.

CONTEMPORARY SPACE

NEWS

Sigep 2017, Yesovens vi ringrazia!

CONTINUA

NEWS

Novit al SIGEP: scopri la linea Arte Bianca di Yesovens

CONTINUA

NEWS

La Pastry Queen 2016 lavora con YESOVENS al SIGEP

CONTINUA

NEWS

Yesovens è il forno dei mondiali di pasticceria ad ottobre 2017

CONTINUA

NEWS

Yesovens ti invita a SIGEP
Rimini 21-25 gennaio 2017

CONTINUA

NEWS

Un FLAN con un grande EGO

CONTINUA

NEWS

YESOVENS al corso di pasticceria del Team Massari

CONTINUA

NEWS

ÉCLAIR con MOOD

CONTINUA

NEWS

YESOVENS a EquipHotel- 06-10 Novembre 2016

CONTINUA

NEWS

YESOVENS, prima volta a FOR GASTRO&HOTEL

CONTINUA

NEWS

Yesovens intervista Maria Pia Settin. #YesArtists

CONTINUA

NEWS

Food & Drinks 2016, dal 25 al 29 Maggio

CONTINUA

NEWS

Arte e cucina: intervista ad Alessandro Vetuschi

CONTINUA

NEWS

Scarica il nuovo catalogo Yesovens

CONTINUA

NEWS

IBATECH - Istanbul, 14-17 Aprile 2016

CONTINUA

NEWS

FHA - Singapore, 12-15 Aprile

CONTINUA

NEWS

HOTELEX - Shanghai, 29 Marzo - 01 Aprile

CONTINUA

NEWS

Yesovens invites you to 2016's fair

CONTINUA

NEWS

Intervista all’artista Saul Costa

CONTINUA

NEWS

Interfood 2015

CONTINUA

NEWS

Host 2015, Yesovens vi ringrazia!

CONTINUA